7.4 C
Matera
venerdì, Dicembre 2, 2022
spot_img
HomeInfrastrutturePista Mattei più sicura

Pista Mattei più sicura

“Sono stati finalmente cantierizzati i lavori di delocalizzazione delle vasche di rilancio dei reflui rivenienti dal Comparto C di Pisticci Scalo che interferivano con l’area della pista Mattei”.

Ad annunciarlo è l’amministratore unico del Consorzio per lo sviluppo industriale della provincia di Matera, Rocco Fuina-. “Tali lavori – continua Fuina- finalizzati ad eliminare un ostacolo incompatibile con le regole di sicurezza della navigazione aerea, costituiscono un altro passo in avanti nel processo di trasformazione dell’aviosuperficie Mattei di Pisticci Scalo in aeroporto di seconda categoria che vede il Consorzio impegnato da tempo in questa direzione”. Il progetto esecutivo approvato nel 2017, sulla base di un finanziamento di settecentomila euro concesso al Consorzio nell’ambito del Patto per lo Sviluppo della Regione Basilicata, prevede la realizzazione di una serie di lavori edili ed impiantistici che consentono anche di razionalizzare il sistema di incanalamento dei reflui.

Quindi è evidente che oltre a conseguire l’obiettivo di eliminazione degli ostacoli alla navigazione aerea, si consegue anche un beneficio per le industrie presenti nel Comparto, le quali avranno la possibilità di usufruire di un sistema di collettamento dei reflui che alla fine risulterà potenziato.

Gli interventi di eliminazione degli ostacoli presenti sulla strip laterale della pista – afferma Antonio Castelluccio, dirigente del servizio tecnico del Consorzio, e responsabile del procedimento- si rendono necessari in quanto incompatibili con le norme prescritte dall’Organizzazione Internazionale dell’Aviazione Civile (ICAO) per la navigazione aerea in sicurezza. In tal caso, trattandosi di un impianto di rilancio reflui in esercizio, esso non può essere eliminato, ma deve essere delocalizzato al di fuori dell’area di sedime aeroportuale. Ciò comporta il fatto che dovranno affrontarsi tutta una serie di problematiche per eseguire i lavori senza interrompere l’esercizio dell’impianto, per cui di fondamentale importanza è una corretta pianificazione e programmazione.

L’attuale rete di collettamento del comparto, risulterà alleggerita in termini di portate idriche, grazie alla realizzazione di un collettore previsto in progetto che provvederà a collegare direttamente lo scarico di un’azienda in esercizio all’impianto di rilancio oggetto di delocalizzazione”.

I lavori sono stati aggiudicati al raggruppamento temporaneo di Imprese Violante s.r.l. – Violante Domenico. La fine dei lavori è prevista, entro luglio del 2022.

spot_img
RELATED ARTICLES