1.3 C
Matera
lunedì, Febbraio 6, 2023
spot_img
HomeZona Economica SpecialeSpeciale ZES: 30 milioni per Jesce e La Martella

Speciale ZES: 30 milioni per Jesce e La Martella

Buone notizie per le attività della ZES in Basilicata. Le ha comunicate qualche settimana fa in una conferenza stampa l’assessore regionale allo Sviluppo economico Alessandro Galella. “Avevamo candidato al finanziamento del Ministero progetti infrastrutturali per 50 milioni di euro per il rilancio delle aree industriali della Basilicata, 20 per l’area di Tito e 30 per La Martella e Jesce – spiega Galella – ed oggi annunciamo che per la progettazione e la realizzazione di questi interventi Invitalia ha già indetto le relative gare, che scadono il 17 gennaio 2023.

Speriamo che le imprese locali possano partecipare, così da garantire una ulteriore ricaduta di questi investimenti sul tessuto economico locale. Un ringraziamento particolare va alla commissaria della ZES Gallucci con la a quale stiamo lavorando in grande sintonia. Ora siamo impegnati a reperire altre risorse per queste opportunità”.

SPECIALE ZES
Soddisfazione è stata espressa dall’Amministratore Unico del Consorzio per lo sviluppo industriale della Provincia di Matera, Rocco Fuina: “Con questa dotazione economica possiamo ripartire di slancio nelle aree industriali che gestiamo; se ogni ente attivo sul territorio fa bene la propria parte, per la Basilicata si apre una nuova stagione di rilancio che porterà ad uno sviluppo duraturo. Una Zes servita da un aeroporto come quello di Pisticci può senza dubbio servire al rilancio di una area produttiva e, a cascata, di una intera regione”.

Tra le altre notizie importanti per l’industria e l’economia della Basilicata figura l’avviso pubblico per il sostegno agli interventi di risparmio energetico delle imprese: un bando al quale hanno partecipato circa 400 imprese, comprese alcune di medie e grandi dimensioni come Stellantis, Barilla e Ferrero.

“Un risultato notevole – ha detto l’assessore nell’incontro con i giornalisti – che dimostra come, attraverso questa iniziativa, abbiamo intercettato un bisogno reale delle imprese offrendo una risposta concreta nel momento in cui avevano bisogno di un sostegno”. A fronte di una dotazione finanziaria di 10 milioni di euro (6 milioni di euro per le piccole e medie imprese e 4 milioni di euro per le grandi imprese) sono arrivate richieste di finanziamento per oltre 70 milioni di euro. “E noi – ha aggiunto l’assessore – continueremo ad
investire in questo settore, che rappresenta una opportunità importante sia per l’autoproduzione di energia, che ha una ricaduta concreta per aumentare la competitività delle imprese, che per obbligo di salvaguardare i posti di lavoro. La nostra volontà è di aggiungere altre risorse per finanziare questi progetti”.

La graduatoria del bando è stata già pubblicata, “con una dimostrazione di grande efficienza da parte degli uffici regionali preposti”, ha aggiunto ancora Galella che in conferenza stampa era affiancato dal dirigente generale del dipartimento Canio Sabia e dalla referente del coordinamento dei progetti a favore delle politiche di sviluppo Giuseppina Lo Vecchio. Positivo anche l’andamento del bando che promuove i contratti di sviluppo attraverso i quali le imprese possono candidare i propri progetti per reindustrializzare siti produttivi dismessi, ampliare le proprie attività e attrarre nuovi insediamenti produttivi. “Il plafond di 25 milioni di euro si è già esaurito – afferma ancora Galella -, e questo significa che ci saranno 50 milioni di euro di investimenti in Basilicata. Siamo pronti a rimpinguarlo e invitiamo le imprese a continuare a partecipare”.

Lo sportello regionale per i contratti di sviluppo è sempre aperto ed ora parte la procedura per recuperare
i posti di lavoro persi a causa delle crisi industriali.

Giovanni Martemucci

spot_img
RELATED ARTICLES